fbpx

Bit 2019: start-up ed esperienze

Ciao Viaggiatori, eccomi di rientro dalla Bit, la Borsa Intenazionale del Turismo, che si è tenuta nei giorni scorsi a Milano.
Quest’anno sono andata un po’ titubante, perchè l’esperienza dello scorso mi aveva abbastanza deluso. Quindi sono andata agli Speedy Meeting con gli operatori del settore senza alcuna aspettativa.

Speedy meeting in Bit

Devo invece dire che quest’anno la fiera ha usato un format diverso. Nello stesso spazio si tenevano sia gli incontri tra buyers, sia quelli tra blogger ed operatori, questo ha fatto sì che ci fosse decisamente più movimento. Vedremo poi se dei contatti creati si concretizza qualcosa.

Start up e turismo esperienziale

Come al Salone di Lugano, anche in Bit si è delineata la tendenza forte a offrire qualcosa in più ai viaggitori rispetto al solito pacchetto viaggio e hotel. Ecco quindi che ci sono moltissime start-up che offrono esperienze, perché tanto viaggio ehotel ormai ce lo prenotiamo da soli su internet. Quindi c’è chi offre tour in bici con tappe enogastronomiche, chi porta a cavallo i viaggiatori e offre una visione sui territori diversa. C’è poi chi pensa ai viaggi con gli animali e chi si occupa di turismo industriale. il turismo industriale l’ho sentito per la prima volta in Bit: è un po’ simile a quello che ho fatto durante il blogtour a Castellamonte: sostanzialmente si va a visitare una fabbrica di qualcosa di particolare. Mi hanno parlato per esempio di vedere la fabbrica dei Boeing. Nel settore start-up ho trovato davvero tanti spunti nuovi.

I paesi

Un po’ al ribasso invece la presenza dei paesi. Grandi assenti il Trentino per esempio, la Spagna e la Grecia continentali, il Canada, molti paesi del Nord Europa.
Grande presenza delle regioni del Sud Italia e dell’area del Centro America.
Dovendo fare un bilancio, è stata sicuramente una esperienza molto più positiva dello scorso anno, quindi per me che sono di Milano sicuramente la visita vale. E’ stata anche l’occasione di incontrare amici blogger, coi quali ci si vede un paio di volte l’anno. Quindi decisione presa, con Bit ci vedremo l’anno prossimo!

Ti è piaciuto? Condividi per favore 🙂

6 pensieri riguardo “Bit 2019: start-up ed esperienze

  • 12/02/2019 in 20:58
    Permalink

    Eravamo presenti anche noi alla Bit 2019 ma come semplici visitatori (con i nostri pochi follower ci sembrava esagerato registrarci cone veri e propri Blogger), abbiamo respirato tutravia ottimismo e ai due seminari a cui abbiamo partecipato (presente e futuro nel turismo) abbiamo ricevuto spunti positivi. Speriamo di incontrarci nel 2020!

    Risposta
    • 12/02/2019 in 21:01
      Permalink

      Guarda, ti consiglio lo stesso di fare l’accredito blogger, se mi mandi una mail ti spiego perché 😉

      Risposta
  • 27/02/2019 in 10:05
    Permalink

    Ciao Beatrice, sono stato in BIT domenica. Tra l’altro bellissima giornata a Milano, ricordo 😀
    Comunque non sono riuscito a fare gli speedy (grazie Trenitalia per questi orari invernali) e ho fatto un giro semplice tra gli stand. Senza aspettative, visto appunto lo scorso anno.
    Spiace per l’assenza di Piemonte e Valle d’Aosta per esempio, così come l’Olanda, la Spagna, la Francia, l’Inghilterra. Insomma, pochi pochi gli stati europei. Peccato!

    Risposta
    • 27/02/2019 in 13:27
      Permalink

      Gli speedy meeting sono stati meglio, decisamente! anche se per ora non c’è stato nessun contatto…

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *