fbpx

Wanderlustviola: conosciamo una blogger

Ciao Amici viaggiatori!

Oggi inauguro una nuova rubrica, che si chiama “Il viaggio che mi ha cambiato la vita”. L’idea la riprendo da Marco Lovisolo, che l’anno scorso ha lanciato il tag #ilviaggiochemihacambiatolavita. Ora, la sua è un’ottima idea che ci permetterà di conoscerci meglio. Se volete conoscere Marco, ecco il suo blog.

Inviterò qui sul blog a parlare alcuni amici blogger che vorrei rivelassero come un viaggio che hanno fatto, per qualche motivo, per loro ha rappresentato una svolta. Può essere un cambio tangibile, ma anche solo una presa di coscienza ch però è stata importante.

Oggi ospito Viola del blog Wanderlustviola.it.

Seguo Viola da un po’ e l’ho scelta come prima ospite di questa rubrica perché so che c’è un viaggio in particolare che per lei è stato una sorta di rivelazione.
Ve lo faccio raccontare da lei!

Rompo il ghiaccio con qualche domanda soft:

1. I tre paesi in cima alla tua lista dei desideri di viaggio?

I tre paesi in cima alla mia lista dei desideri sono: l’Isola di Pasqua, l’Argentina e il coast to coast degli USA. Ho scelto i primi tre che mi sono venuti in mente perché ogni giorno la mia bucketlist è diversa.

2. In quale posto del mondo ti sei sentita più a casa? In quale invece meno a tuo agio?

Come ben saprai ormai dalle tante volte che l’ho detto, la Thailandia. Qui mi sono sentita davvero a casa. Per quanto riguarda la seconda domanda in realtà non mi sono sentita mai poco a mio agio in viaggio. Forse perché vedo tutto in maniera positiva ed ogni singola cosa mi può insegnare qualcosa di me che non conoscevo ancora e aprirmi la mente rispetto ad altre culture, rispetto ad altre tradizioni.

3. Mare o montagna?

Entrambi. Amo starmene in spiaggia a prendere il sole per ore ed ore. Amo la salsedine e i capelli scompigliati che si asciugano al sole. Ma allo stesso tempo mi piace la montagna, perché mi regala una profonda sensazione di pace e serenità. Quei paesaggi infiniti, quei colori e quella estrema fatica che la natura sa ripagare appieno.

4. Veniamo ora al sodo e torniamo seri…C’è un viaggio che per te è stato una rivelazione, che ti ha aperto gli occhi in qualche modo?

Si, di nuovo lei, la Thailandia. Ma oltre che per il viaggio in sè, per le esperienze vissute e le cose viste, soprattutto perché mi ha portato ad una nuova me. Prima di partire ho lasciato il mio posto fisso ed ora, lavorando da casa, mi sento più libera, ho tempo per me stessa e per i miei cari. Ho conosciuto una nuova me che mi sta piacendo tanto, quindi ringrazio quella voglia profonda di partire per la Thailandia che mi ha permesso di riscoprirmi.

 

 

5. Hai iniziato a comportarti in modo diverso dopo quel viaggio?

Si. Quel viaggio mi ha aperto la mente rispetto a tante cose. Il cibo in primis. Ero davvero schizzinosa, ora lo sono molto meno. Ho superato alcuni miei limiti riguardo la scarsità di igiene che si può incontrare in paesi poveri ma soprattutto ho capito che si può essere felici davvero pur non avendo molto. Questo è stato l’insegnamento più grande quindi ho iniziato a badare sempre meno alle cose materiali (anche se lo shopping, ovviamente, piace anche me).

6. Come è cambiata la tua vita adesso?

Adesso lavoro da casa, mi alzo non troppo presto al mattino, anche se sto cercando di cambiare un pò la mia routine e fare un pò di esercizio fisico giornaliero (sono una pigrona), passo la mia giornata divisa tra fotografia, social media ed email. Ma ho tempo. Per prendermi una pausa, per uscire e andarmene a fare due passi al lago se ne ho voglia e soprattutto cerco ogni giorno di costruire al meglio questa nuova me.

7. Qual è il tuo stile di viaggio?

Non ho uno stile “fisso” di viaggio. L’importante per me è viaggiare 😉 Anche se posso dirti un tipo di viaggio che non mi attrae molto: il viaggio di gruppo. Sono uno “spirito libero”, cioè amo dedicare il tempo che reputo necessario nel visitare un’attrazione, un museo e così via e non mi piace dovermi organizzare in base ai gusti di altre persone. Non riuscirei a vivere il viaggio come mi piace.

8. Puoi dire di aver realizzato il tuo sogno?

Non penso di aver realizzato il mio sogno. Penso, piuttosto, di aver salito alcuni dei gradini necessari alla realizzazione di quella che è la mia vita da sogno.

Ora che avete conosciuto Viola, vi invito a seguirla sul blog e sui social, in particolare su instagram, dove propone sempre bellissime foto.

Se anche voi avete un viaggio che per voi è stato in qualche modo rivelatore, mandatemi una mail indicandomi perché e sarò lieta di ospitarvi sul blog.
A presto!

Ti è piaciuto? Condividi per favore 🙂

3 pensieri riguardo “Wanderlustviola: conosciamo una blogger

  • 31/03/2019 in 17:19
    Permalink

    Brava Viola, direi anche io Isola di Pasqua …il coast to coast USA dovrei farlo con mia figlia questa estate

    Risposta
    • 02/04/2019 in 07:40
      Permalink

      L’isola di Pasqua è la meta da sogno per tutti i viaggiatori. Poi se lo fai il Coast to Coast fammi sapere, voglio tanto farlo anche io.

      Risposta
  • 12/04/2019 in 14:18
    Permalink

    Che meraviglia la Thailandia, ultimamente la sto “studiando” ma questo post mi porta a incuriosirmi ancora di più!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *