Itinerari nelle Dolomiti: cosa vedere la prima volta

Creare itinerari nelle Dolomiti per un primo viaggio può essere sfidante senza conoscere le caratteristiche del territorio. Devi resistere alla tentazione di voler vedere tutto e di circoscrivere il viaggio in un territorio più piccolo. In fondo all’articolo trovi idee per itinerari nelle Dolomiti, ma prima devo dirti alcune cose importanti. Se le conosci già clicca sul menù dell’indice e salta direttamente al capitolo “Itinerari per la prima volta nelle Dolomiti”.

Il territorio delle Dolomiti e i sistemi dolomitici

Dolomiti si estendono su cinque diverse province e tre regioni. Le Dolomiti sono quindi un territorio molto grande, le cui strade si sviluppano anche in altezza, e in “bassezza” (permettimi di usare questa parola ironicamente) se consideriamo anche le gole e i canyon.  Ci sono nove sistemi dolomitici che fanno parte delle Dolomiti UNESCO, ecco quali sono:

Guidare nelle Dolomiti, riflessioni da fare

Ti invito quindi a fare la prima riflessione mentre sei in cerca di itinerari per la prima volta nelle Dolomiti. Su un territorio così vasto, che prevede cime e gole profonde, sarà così facile muoversi in macchina come in città? La risposta è dipende. Dipende da te. Hai già guidato in montagna? Sei confidente a fare i tornanti? Sei consapevole che molte di queste strade hanno limiti di velocità ben precisi che spesso non superano i 50 km/h?

Inoltre molte strade nel periodo estivo vengono chiuse o ci sono forti limitazioni nel traffico. Le strade sono tutte strade normali, con una corsia per senso di marcia. Quando però i territori in alta stagione “si ingolfano” di visitatori, si rimane in coda. Bisogna quindi alzarsi molto presto e cercare di arrivare a destinazione quanto prima. Capisci quindi bene che, in alcuni momenti dell’anno e in alcune circostanze, un percorso di 50 minuti può diventare il triplo. Ci avevi pensato? Non ti dico che non puoi andare a vedere la cosa X che vuoi tanto vedere che sta ad un’ora di strada dal tuo hotel, ma magari non puoi farlo tutti i giorni.

Se sei anche alla ricerca di itinerari sulle Dolomiti da fare interamente in moto, allora leggi questo articolo.

Le icone delle Dolomiti: ci sono solo loro?

Puoi dire di aver visto Roma se hai visto solo il Colosseo? Probabilmente converrai con me che no, quello non è visitare Roma. La stessa cosa vale per le Dolomiti. Ci sono sicuramente viste ed escursioni iconiche che bisogna inserire in itinerario a tutti i costi, ma le Dolomiti non sono solo lago di Braies, Tre Cime, Sassolungo, Seceda e Alpe di Siusi. Questi sono sicuramente luoghi iconici da inserire nei tuoi itinerari per la prima volta nelle Dolomiti, ma solo se stai scoprendo la valle in cui si trovano, altrimenti non vale la pena “sbattersi” per raggiungerli. Le Dolomiti ti mozzeranno il fiato in ogni loro angolo, e sinceramente, vale molto la pena farsi cogliere di sorpresa dal territorio in cui ti troverai. Vedrai che ti troverai spesso a bocca aperta a pensare “Cavolo, non pensavo davvero che ci fosse anche questa cosa qui!”.

Il tuo livello di preparazione alla montagna

Questa è una cosa super importante. Ognuno di noi ha un diverso grado di affinità con la montagna. Se è la tua prima volta sulle Dolomiti, non è detto che sia la prima volta in montagna. Ma se lo fosse, ricordati che con la montagna non si scherza. In montagna si deve andare preparati. Quindi per favore non andare “a caso”, assicurati di essere in grado di affrontare l’escursione e di saper interpretare le indicazioni della guida escursionistica.

Interpretare la difficoltà di una escursione

Ricordati che una escursione “facile” o “difficile” può non voler dire nulla perché, pur se indicativo, è un termine soggettivo. Ci sono piuttosto livelli dei sentieri CAI, dislivelli, sentieri con tratti esposti, vie ferrate ecc ecc. Assicurati di sapere valutare se quello che leggi sulla guida fa per te. Qui trovi qualche consiglio sull’attrezzatura da portare con te.

Come interpretare il dislivello

Torniamo un attimo al dislivello. Il dislivello è un termine topografico che indica la differenza di altitudine (o di livello) tra due punti. In genere si parla di dislivello positivo, quindi in salita. Fare 300 metri di dislivello, ad esempio, è come partire da terra e arrivare in cima alla Tour Eiffel. 830 metri di dislivello è come salire in cima al Burj Khalifa di Dubai. Queste sono immagini di impatto che ti fanno capire subito cosa vuol dire. Ovviamente anche lo spazio in cui si sviluppa il dislivello è importante. 500 metri di dislivello in 5 km sono una cosa, 500 metri in mezzo chilometro sono un’altra. E poi devi sapere se affrontare un sentiero esposto su un dirupo ti crea problemi di vertigini o no. Insomma, devi conoscere i tuoi limiti per sapere se quella escursione fa per te o no.

blog di montagna su dolomiti e alto adige

Itinerari per la prima volta nelle Dolomiti

Ma veniamo al dunque, fatta questa doverosa premessa, ho stilato delle idee per itinerari di 10 giorni nelle Dolomiti tra Alto Adige e Cadore, ad aggiungere e togliere si fa sempre in tempo, a modificare anche! Qui troverai molti dei luoghi iconici delle Dolomiti, ma mi raccomando, prima di fare escursioni tieni presente quello che hai appena letto qui sopra.

Ricordati che se hai 10 giorni, di fatto i giorni di escursione da sfruttare saranno 8, perché due giorni vanno via per il viaggio. L’A22 dei Brennero può essere tremenda, io cerco sempre di superare Bolzano non più tardi delle 8:30 del mattino. In passato sono rimasta imbottigliata anche per 8 ore, quindi ora faccio solo levatacce.

Itinerario di 10 giorni in Val Gardena

Per scoprire la Val Gardena consiglio di dormire a Santa Cristina o a Selva di Val Gardena. Ed ecco una idea di itinerario:

La gita “lontana“: il lago di Carezza

Arrivare ai Tremila: escursione al Piz Boé (difficile)

La tradizione da provare: i bagni di fieno

Itinerario di 10 giorni tra Val Pusteria, Tre Cime e Misurina

Se nella tua ricerca di itinerari per la prima volta nelle Dolomiti decidi di partire dalla Val Pusteria, consiglio di dormire in zona Dobbiaco per spaziare in tutta la valle con facilità.

Da fare un giorno al tramonto: il lago di Braies

In bici: la ciclabile San Candido – Lienz

Itinerario di 10 giorni tra Cadore, Dolomiti d’Ampezzo e Bellunesi

Potresti dormire a Misurina o in Alto Cadore e da lì muoverti.

Per un giorno di riposo o di pioggia: i murales di Cibiana e il museo Cazzetta con le orme dei dinosauri

In Bici: la ciclabile Cortina Dobbiaco

che cos'è enrosadira

Itinerario di 10 giorni in Alta Badia

Potresti dormire in zona Corvara

Arrivare ai Tremila: escursione al Piz Boé (difficile)

L’esperienza: un apericena a caccia di Enrosadira

Itinerario nelle Dolomiti di 15 giorni

Per la tua prima volta nelle Dolomiti non riesci proprio a rinunciare all’idea di vedere tutti i punti più iconici? Ok! Allora dovrai fare una vacanza itinerante ma prevedendo almeno 15 giorni, altrimenti è davvero una faticaccia raggiungere tutte le valli.

Prevedi di spostarti di alloggio tra Alta Badia, val Gardena e Val Pusteria e seleziona le escursioni che ti piacciono di più. Ecco un esempio per 13 escursioni (tieni sempre in conto due giorni di viaggio):

Alloggio in Alta Badia

Sposarsi di alloggio in Val Gardena

Spostarsi di alloggio in Val Pusteria o in zona Misurina

Hai domande da farmi?

8 thoughts on “Itinerari nelle Dolomiti: cosa vedere la prima volta

  • Ciao, a luglio vorrei fare la zona di carisolo , quindi la Val genova, e la zona di Madonna di Campiglia, hai delle escursioni a piedi o in bici da consigliarmi! Grazie

    Risposta
  • Sei bravissima,conosci tanto c’è tutto da imparare…….? Sono in provincia di Bergamo

    Risposta
    • Grazie! Provo a dare le info pratiche di cui si ha bisogno per organizzare le cose!

      Risposta
  • Bell’articolo per entrare nel Mood “la mia prima volta!”che, per altro, resta sempre una bellissima sensazione ?
    Grazie mille!
    @mo16anni

    Risposta
  • Per ora non ho domande da farti ma probabilmente ne avrò perché mio fratello ad agosto andrà nelle Dolomiti, anche se purtroppo si fermerà solo quattro giorni. Dormirà a Selva di Val Gardena, quindi sicuramente per dargli qualche idea potrei prendere spunto dal primo itinerario, tenendo conto che poterà con lui la bici da corsa perché vuole dedicare una giornata a scalare un passo di montagna – forse il Pordoi se ricordo bene ma non sono sicura.

    Risposta
    • prossimamente pubblico un post proprio sui passi, quindi avrai tutte le info!

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *