Piramidi di terra a Perca in Val Pusteria

Oggi ti parlo di una escursione alla scoperta delle piramidi di terra a Perca in Val Pusteria. Queste piramidi si trovano in località Plata e non sono ovviamente piramidi in pietra stile Antico Egitto, ma bensì delle formazioni naturali davvero spettacolari. I colori dell’argilla si accendono con il sole e sbiadiscono con il brutto tempo. Le piramidi di terra a Perca sono una meraviglia naturale e oggi sono una delle attrazioni della Val Pusteria.

Come si sono formate le piramidi di terra a Perca

Queste formazioni naturali non sono un’esclusiva di questa zona, ce ne sono diverse in Italia e anche in Alto Adige stesso. Sono gli elementi atmosferici che con frane, pioggia, vento creano un’erosione del terreno che, nel corso dei secoli, porta alla formazioni di piramidi di terra. Si chiamano priamidi perchè hanno una forma che le ricorda. L’erosione del terreno infatti, crea  delle colonne argillose triangolari che sembrano portare un capello di pietra. Questi cappelli in realtà restano al loro posto. E’ la terra al di sotto di essi che viene mangiata via dagli agenti atmosferici. Quella che invece rimane sotto i massi è più protetta e resiste di più.  Le piramidi di terra a Perca sono considerate le piramidi di terra più importanti della Val Pusteria.

Come arrivare alle piramidi di terra a Perca in località Plata

Dalla località di Perca si deve prendere la strada fino a Vila di Sopra – Oberwielenbach. Da qui prosegui verso la località di Plata, dove potrai lasciare l’auto al secondo parcheggio sulla destra. L’ultimo pezzo va infatti fatto a piedi perchè non c’è possibilità di parcheggiare direttamente a destinazione.

piramidi di terra perca val pusteria

I percorsi

Per raggiungere piramidi di terra a Perca ci sono due percorsi diversi tra cui scegliere:

    • Il primo, che è quello che ho fatto io, si sviluppa lungo il sentiero 16A nel bosco. Il percorso è fatto da gradini con una ringhiera in legno ed è ben segnalato.  All’inizio il sentiero è in salita ma fattibile anche con i bambini.
    • Il secondo rimane più sulla strada trafficata,  ma dopo pochi metri la strada si divide. Qui devi seguire la strada che va verso sinistra.

Entrambi i percorsi si incontrano poco prima delle piramidi di terra. Al ritorno puoi prenderli entrambi.

Durata

Per entrambi i percorsi per l’andata e il ritorno ci vogliono circa un paio d’ore, poi dipende dal passo che si mantiene. Il percorso è lungo circa 4 km e c’è un dislivello di 200 metri. Le piramidi appaiono quasi all’improvviso in mezzo al bosco.

Le piramidi di terra a Percasono una gita impedibile per chi viene in questa zona, ma non sono l’unica escursione che puoi fare in Val Pusteria. Questa escursione è molto adatta ai bambini, ce ne sono anche altre che ti segnalo in questo articolo.

Ti è piaciuto? Condividi per favore 🙂

20 pensieri riguardo “Piramidi di terra a Perca in Val Pusteria

  • 27/05/2020 in 17:59
    Permalink

    Sono molto belle, le visitai alcuni anni fa e rimasi davvero senza fiato. Formazioni simili sono presenti anche a Zone in Lombardia.

    Rispondi
    • 27/05/2020 in 18:08
      Permalink

      sì, ci sono in tante zone d’Italia. Mi fa piacere che tu abbia visto quelle di Perca 🙂

      Rispondi
  • 04/06/2020 in 12:15
    Permalink

    Bellissime, forse perché sono state le prime piramidi di terra in assoluto che ho visto e non c’era nessun altro in quel momento! Uno spettacolo unico!

    Rispondi
  • 09/06/2020 in 10:00
    Permalink

    Queste formazioni geologiche mi ricordano molto il Parco degli Tsinghi in Madagascar, cambia soltanto il colore. Comunque sono davvero bellissime!

    Rispondi
    • 09/06/2020 in 14:20
      Permalink

      Che bello1 Ce ne sono parecchie in giro per il mondo, sono particolari.

      Rispondi
  • 09/06/2020 in 12:52
    Permalink

    Ma che posto splendido! Grazie per avermele fatte conoscere! Inizialmente dalla foto ho associato queste formazioni a quelle della foresta di pietra malgascia. Veramente un bel posto, me lo sono segnata, grazie!

    Rispondi
    • 09/06/2020 in 14:21
      Permalink

      Me lo ha detto anche un’altra ragazza, devo proprio andare in Madagascar a vederle allora!

      Rispondi
  • 09/06/2020 in 17:40
    Permalink

    Conoscevo quelle di Segonzano ma non queste. Le ho visitate diversi anni fa.

    Rispondi
    • 10/06/2020 in 11:38
      Permalink

      ce ne sono tante, alla fine il concetto è quello. Qui sono immerse nel bosco, molto piacevoli.

      Rispondi
  • 10/06/2020 in 10:36
    Permalink

    Queste piramidi sono veramente particolari e non le conoscevo! Quando verrò da quelle parti voglio proprio recuperare questa lacuna!

    Rispondi
    • 10/06/2020 in 11:41
      Permalink

      Ce ne sono varie in Alto Adige, molto belle anche quelle di Renon.

      Rispondi
  • 10/06/2020 in 15:02
    Permalink

    Non avevo mai visto nè sentito prima di queste piramidi di terra. E’ sempre bello scoprire cose nuove!

    Rispondi
  • 16/06/2020 in 15:32
    Permalink

    Che sculture naturali spettacolari. Siamo stati in val Pusteria solo pochi giorni quindi abbiamo potuto vedere ben poco. Segno subito questo percorso visto che è adatto anche ai bambini!

    Rispondi
    • 16/06/2020 in 17:35
      Permalink

      Se hai bisogno di chiedere info sulla Val Pusteria sono qui, ormai sono espertissima!

      Rispondi
  • 17/06/2020 in 12:12
    Permalink

    Sembra un luogo fiabesco e sicuramente inaspettato (a livello di estetica) in una zona come l’Alto Adige. Grazie per questa tua “scoperta” e condivisione.

    Rispondi
    • 17/06/2020 in 13:47
      Permalink

      Sono molto particolari, e sicuramente non sono le uniche in Alto Adige, se ti capita di essere in un posto in cui le hai vicino vale la pena andare.

      Rispondi
  • 30/06/2020 in 21:17
    Permalink

    Immagino che la fantasia popolare abbia sfornato numerose leggende su queste curiose formazioni .

    Rispondi
    • 01/07/2020 in 09:03
      Permalink

      Frequentando la valle non ho mai sentito nulla di che, ci sono un sacco di leggende sul gigante Baranci che avrebbe dato il nome al monte Baranci

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content