Attrezzatura da montagna / Montagna

Come togliere le zecche

Come togliere le zecche

Quando si fa trekking non è raro che si possa essere punti da una zecca: in questo articolo vediamo come togliere le zecche se capita di essere morsi e quali accorgimenti adottare per prevenirne i morsi.

Cosa sono le zecche

Le zecche sono insetti che si nutrono principalmente del sangue di animali, ma durante le escursioni, il trekking e le attività all’aperto, il rischio di incontrare una zecca aumenta notevolmente, specialmente in aree con erba alta e cespugli.

Prevenire le punture di zecca è essenziale per evitare la trasmissione di malattie potenzialmente gravi.

Le zecche sono insetti dalle dimensioni piccole, della famiglia degli aracnidi. Sono di colore rossastro e non è sempre semplice vederle, per via delle piccole dimensioni.

Prevenire le punture di zecca durante il trekking

Facendo trekking si è più esposti alle punture perché si cammina nell’habitat di questi insetti, che si diffondono soprattutto dove ci sono animali al pascolo o grande presenza di animali selvatici.

Per provare ad evitare i morsi di zecca, ci sono alcuni semplici accorgimenti da adottare quando si fa trekking:

  • indossare pantaloni lunghi
  • usare l’apposito repellente
  • evitare le zone con erba alta
  • non sdraiarsi nell’erba senza una coperta da pic-nic
  • fare molta attenzione nei pascoli frequentati da animali
  • controllarsi minuziosamente al rientro

Adesso vado nel dettaglio di ognuno di questi punti.

1. Indossare pantaloni lunghi

Un modo efficace per ridurre il rischio di punture di zecca è indossare pantaloni lunghi durante le escursioni, rispetto ai pantaloni corti avrai meno pelle scoperta e quindi riduci la possibilità che una zecca possa trovare pelle nuda.

Idealmente dovresti assicurarti di infilare i pantaloni nelle calze da trekking per evitare che le zecche possano attaccarsi alla pelle.

2. Utilizzare i repellenti per zecche

L’applicazione di appositi repellenti contro le zecche è un altro metodo per prevenire le punture di zecca.

Spesso i comuni repellenti che trovi al supermercato indicano sull’etichetta l’efficacia contro le zecche. in genere quelli più efficaci sono quelli che contengono DEET oppure N-dietiltoluamide e Icaridina o ancora KBR3023.

Spruzza il repellente sui vestiti e sulla pelle, seguendo sempre le istruzioni del prodotto.

Se vuoi comprarlo online, ecco il link Amazon per comprare il repellente.

3. Evitare zone con erba alta

Le zecche sono più difficili da vedere se ti inoltri in aree con erba alta, cespugli o sottobosco fitto. Durante il trekking, cerca di rimanere sui sentieri ben tracciati ed evita di camminare attraverso vegetazione densa.

In questo modo ridurrai le probabilità che una zecca che si trova sulla vegetazione possa salirti addosso e morderti.

4. Utilizzare una coperta da pic-nic

Quando decidi di fermarti per un pic-nic o una pausa, evita di sdraiarti direttamente sull’erba. Utilizza sempre una coperta da pic-nic per creare una barriera tra te e le zecche potenzialmente presenti nel prato.

Scegli con cura dove stendi la coperta.

5. Fare attenzione nei pascoli frequentati da animali

Dove ci sono animali aumenta il rischio di incontrare le zecche, perché chiaramente sono più diffuse dove ci sono animali.

Evitare quindi di sdraiarsi sull’erba in mezzo ai pascoli è sempre una scelta saggia.

6. Controllarsi minuziosamente al rientro

Il morso di zecca in genere non è doloroso, per cui si potrebbe essere morsi senza rendersene conto. La zecca predilige mordere in zone come le ascelle, l’incavo delle ginocchia, i fianchi.

Per cui, quando si torna da un’escursione è importante controllarsi bene in ogni zona del corpo, anche tra i capelli, per assicurarsi di nn avere addosso uno di questi fastidiosi insetti.

Se si trovasse una zecca si deve intervenire subito, senza panico, per toglierla con l’apposita pinzetta.

Rimozione delle zecche

Se una zecca si attacca alla pelle, è importante rimuoverla correttamente il più presto possibile per ridurre il rischio di trasmissione di malattie.

Come utilizzare una pinzetta per zecche

Per togliere una zecca si deve usare una pinzetta apposita, creata proprio per togliere le zecche senza schiacciarle.

Bisogna infatti evitare di schiacciarle affinché si possa ridurre il rischio del rigurgito, che è la causa della trasmissione di patogeni che la zecca potrebbe veicolare da pasti precedenti.

Per questo motivo si deve usare una pinzetta per zecche che si può comprare online, in farmacia o nei negozi per animali.

Ecco il link Amazon per comprare la pinzetta levazzecche

Come togliere le zecche con la pinzetta per zecche

  1. Fare una foto alla zecca: fai una foto alla zecca nella pelle per ricordare in che condizioni era la zecca quando ti ha morso (gonfia di sangue ecc)
  2. Afferra la zecca con la pinzetta: usa la pinzetta per afferrare la zecca il più vicino possibile alla superficie della pelle
  3. Movimenti circolari: esegui un movimento circolare con la pinzetta mentre tiri delicatamente verso l’alto senza fare torsioni. Questo aiuta a rimuovere completamente la zecca senza schiacciarla.
  4. Evita di schiacciare la zecca: non schiacciare mai il corpo della zecca durante la rimozione. Schiacciare la zecca può causare il rigurgito del contenuto intestinale, aumentando il rischio di infezioni
  5. Disinfetta l’area del morso: dopo aver rimosso la zecca, disinfetta l’area del morso
  6. Evitare di toccare la zecca direttamente: usare guanti e poi, dopo averli tolti, lavare le mani
  7. Fare attenzione al rostro: il rostro, il becco attraverso cui la zecca succhia il sangue, può rimanere all’interno della pelle: in questo caso dovrebbe essere estratto da personale medico

Guarda questo video per approfondire bene l’argomento trattata in questo paragrafo.

Cosa fare dopo aver tolto una zecca

  • Conserva la Zecca: Se vuoi, puoi conservare la zecca in una boccetta con alcol al 70% per farla analizzare per assicurarti che non fosse infetta.
  • Monitoraggio dei sintomi: Tieni d’occhio eventuali sintomi di malattia nelle settimane successive alla rimozione della zecca.

Cosa non fare per togliere una zecca

Per togliere una zecca non utilizzare mai:

  • alcol
  • benzina
  • acetone
  • trielina
  • ammoniaca
  • olio, grassi o vaselina
  • oggetti arroventati, fiammiferi o sigarette

Questo è importante per evitare che una eventuale sofferenza della zecca possa provocarle rigurgito infetto e che la zecca possa infilarsi più profondamente nella nostra pelle.

Qui sotto c’è un elenco delle malattie più frequenti che possono trasmettere le zecche, coi relativi sintomi a cui fare attenzione.

Malattie trasmesse dalle zecche

Le patologie infettive trasmesse da zecche e presenti in Italia sono principalmente:

Se clicchi sui link qui sopra potrai approfondire per bene ognuna di queste malattie.

Sintomi delle malattie trasmesse da zecche all’uomo

La malattia di Lyme, nei primi stadi si manifesta con un caratteristico eritema migrante, una eruzione cutanea a cerchi concentrici rossi che si espande dal sito del morso.

come togliere una zecca

Se ti capitasse di vedere questo sintomo contatta subito il medico.

Dovrai contattare il medico anche in caso comparissero altri sintomi nei giorni e settimane successivi al morso. I sintomi più comuni a cui fare attenzione, oltre all’eritema migrante, sono:

  • Febbre
  • mal di testa
  • affaticamento
  • mal di testa
  • dolori muscolari
  • brividi
  • confusione

Approfondisci gli argomenti del paragrafo in questo video dal quale capirai anche perché è essenziale togliere le zecche tempestivamente:

Il vaccino per l’encefalite da zecca

Esiste un vaccino contro l’encefalite da zecche che potrebbe raccomandato per le persone che vivono o trascorrono molto tempo in aree endemiche.

Se ti interessa vaccinarti rivolgiti al tuo medico o al centro vaccinale di riferimento per maggiori informazioni.

L'autrice

Piacere di conoscerti! Sono Beatrice, istruttrice di trekking, blogger, content creator e autrice di guide escursionistiche. 

Lascia un commento

Skip to content