fbpx

Come arrivare al Monte Seceda e sentieri

Il Monte Seceda, a 2.518 metri di altezza, è il punto panoramico più alto della Val Gardena. La vista che si gode una volta in vetta è pazzesca: Sella, Sassolungo, Alpe di Siusi e tante altre vette incredibili. Oggi ti parlo delle tre possibilità che hai per arrivare al Monte Seceda.

Ci sono tre possibilità per arrivare al Monte Seceda:

  • passando dal Rifugio Firenze e da Malga Pieralongia;
  • con la seggiovia Fermeda;
  • con la cabinovia da Ortisei.

Arrivare al Monte Seceda e sentiero dal Rifugio Firenze

Se decidi di arrivare al Monte Seceda a piedi, da Santa Crisitna dovrai lasciare la macchina alla cabinovia al Col Raiser e da lì salire. Una volta sceso dalla cabinovia al Col Raiser, segui la strada principale che in pochi minuti ti porta porterà al rifugio Odle. Da qui devi imboccare il sentiero n. 4, che in una ventina di minuti porta al Rifugio Firenze. Adesso prendi il sentiero n. 13, in direzione Forcella di Mesdì. Arriverai quindi ad una conca e da qui dovrai cercare le indicazioni per Malga Pieralongia (sentieri 2B – 13B – 13), molto caratteristica perchè circondata da rocce lunari, in particolare ce ne sono alcune che formano una specie di V da cui si possono fare foto incredibili sul Sassolungo.

val gardena

Se senti il bisogno di fermarti a riposare, fallo adesso perchè poi fino al Monte Seceda non ci saranno altri rifugi. Una volta riprese le forze prosegui in direzione Seceda, lungo il crinale della montagna, fino ad arrivare alla Forcella Pana. A questo punto ormai ci sei: mancano davvero pochi metri e arriverai alla cima, indicata da un crocefisso. Non resta quindi che amminare il profilo unico del Monte Seceda!

arrivare al Monte Seceda
arrivare al Monte Seceda

Da qui vedrai anche il rifugio Seceda, che è il punto di arrivo della funivia che parte da Ortisei. Questa funivia è una delle possibilità che hai per arrivare al Monte Seceda. Ne parlo nel dettaglio in fondo.

Per tornare al punto di partenza, dovrai solo seguire lo sterrato principale che ti riporterà a Col Raiser, passando da rifugio Odle. In alternativa, portesti tornare prendeno la seggiovia Fermeda per la discesa. Così ti risparmi 400 metri di dislivello in discesa. Ti parlo di questa variante tra poco.

La funivia Fermeda

Per questa variante bisogna comunque partire da Santa Cristina e prendere il primo tratto di cabinovia del Col Raiser. Una volta arrivato alla stazione a monte, e dopo che sarai passato per il rifugio Odle, segui le indicazioni per Baita Cuca e la seggiovia Fermeda. La strada per arrivarci passa prima da una larga mulattiera e poi si restringe, fino a diventare un sentiero piccolissimo. Ci vogliono circa 30 minuti per arrivare alla seggiovia Fermeda dal Col Raiser. A questo punto, sali sulla seggiovia e in pochissimo arriverai al Monte Seceda, che è la meta sia del percorso a piedi che ho descritto prima, sia della funivia Seceda che parte da Ortisei di cui ti parlo tra poco. Una volta ammirata la vista del Seceda, potresti scendere dallo stesso sentiero che ho indicato prima, oppure andare in direzione di altre malghe. Adesso ti spiego.

Prendi il sentiero sterrato verso località Cuca (attenzione, non si tratta della Baita Cuca di prima) incrociando poi Baita Sofie. Da qui dovrai continuare in discesa, avendo cura al primo bivio di svoltare a sinistra verso Baita Cuca (che non è più la località Cuca che ho appena citato). Superata anche questa baita si arriva a Baita Daniel. SLasciata alle spalle anche baita Daniel, si deve salire seguendo i segnavia che indicano Baita Troier. Da qui si potrà scegliere se andare verso malga Pieralonga, verso il rifugio Firenze o Col Raiser, dipende quanto hai ancora nelle gambe da dare.

Arrivare al Monte Seceda da Ortisei con la funivia Seceda

Partendo da Ortsei si può facilmente arrivare al Monte Seceda prendendo la comoda funivia Seceda. Dal centro di Ortisei, nei pressi della statua di Luis Trenker si notano già le indicazioni per la funivia Seceda (Str. Val d’Anna, 2, 39046 Ortisei). Questa funivia prevende un punto di scambio a Furnes. Ci sono varie possibilità di acquisto dei biglietti, che dipendono da quello che vuoi fare, trovi le possibilità nel prossimo paragrafo.

All’arrivo alla stazione a monte della funivia, ci si ritrova su una bella terrazza panoramica, che permette di godersi la vista sullo scorcio più bello della Val Gardena. Sempre da qui partono i vari sentieri per scendere verso le malghe di cui ho parlato sopra.

Per arrivare al Monte Seceda si deve prendere il sentiero che in mezz’ora ti porterà ad un punto panoramico da cui godrai la vista sul Seceda.

arrivare al Monte Seceda

Prezzi dei biglietti della funivia Seceda

Puoi acquistare i biglietti della funivia Seceda anche online.

Il biglietto di sola andata costa 25,50 € , mentre quello di andata e ritorno costa 35€. C’è poi la possibilità di acquistare anche un biglietto che costa 45€ che include anche l’uso della seggiovia Fermeda, in modo che tu possa anche andare a piedi ad ammirare la cresta delle Odle nei percorsi indicati sopra e poi risalire con la seggiovia Fermeda.

Dettagli tecnici

Il primo percorso ha un dislivello in salita di circa 450 metri e ci vogliono tra le tre e le quattro ore A/R, dipende dalle tue gambe. Presenta una difficoltà media.

Il secondo percorso prevede un dislivello in salita di circa 100 metri e uno in discesa di circa 400 metri, per circa tre ore di cammino.

L’ultimo è ovviamente il più facile. Dall’arrivo della funivia Seceda il sentiero per arrivare al Monte Seceda presenta solo 50 metri di dislivello.

Fammi sapere nei commenti se hai visto questo angolo di paradiso e quale percorso hai scelto.

Ti è piaciuto? Condividi per favore 🙂

28 pensieri riguardo “Come arrivare al Monte Seceda e sentieri

  • 17/11/2020 in 12:42
    Permalink

    Ultimamente lo vedo spesso fotografato su Instagram e quella parete quasi verticale sembra davvero spettacolare. Bellissime le tue foto. Io non sono mai stata nelle montagne del Trentino e da tempo sogno di andarci. Ti posso chiedere in quali periodi dell’anno si può fare questa escursione?

    Rispondi
    • 17/11/2020 in 14:46
      Permalink

      Io la consiglio in tarda primavera ed estate, in autunno e inverno la neve la rende difficile. e secondo me il seceda rende meglio in estate, libero dalla neve, così si può apprezzare lo stacco tra roccia e verde.

      Rispondi
  • 17/11/2020 in 16:56
    Permalink

    Sai che su Instagram ho già visto parecchie immagini del monte Seceda e per la sua forma particolare mi incuriosisce molto. Poi il panorama che si ammira dall’alto è spettacolare, quindi spero tanto di poterlo vedere con i miei occhi l’estate prossima, quando forse, finalmente, ritornerò in Trentino Alto Adige.
    Grazie per le info che ci hai dato. Terrò in considerazione la funivia, anche se mi sembra un po’ cara… Sarà che giusto il weekend scorso ho preso la funivia a Zurigo (la tratta è breve – il viaggio è durato appena cinque minuti) e la corsa è costata 4€, quindi credevo che i biglietti di questa funivia in Italia costassero meno. Comunque buono a sapersi, grazie 🙂

    Rispondi
    • 17/11/2020 in 18:33
      Permalink

      Ah no, purtroppo gli impianti di risalita cpstano molto, ma c’è anche da dire che questa in particolare che parte da Ortisei ti porta prorio in vetta.

      Rispondi
  • 17/11/2020 in 19:19
    Permalink

    Mamma mia mi stai facendo scoprire sentieri e itinerari fantastici sulle montagne più belle del mondo! Grazie dei tuoi articoli così dettagliati e ben scritti, mi fai proprio venire voglia di scarpinare!

    Rispondi
  • 17/11/2020 in 19:30
    Permalink

    Non conoscevo il Monte Seceda, ma appena ho visto mezza foto ho deciso di leggere il post: una meraviglia!! Sono innamorata della montagna e non vedo l’ora di tornare in Val Gardena. Per me la “vera montagna” è lì.

    Rispondi
    • 17/11/2020 in 22:05
      Permalink

      Tutte le Dolomiti sono uno spettacolo! La Val Gardena ha davvero molti monti spettacolari

      Rispondi
  • 18/11/2020 in 08:58
    Permalink

    Siamo stati in Val Gardena, e a sciare sul Sassolungo, ma il Monte Seceda non lo conoscevo. Non essendo amante della montagna ( vado in settimana bianca più per stare con gli amici che per il piacere di sciare) non mi sono mai informata sui sentieri da trekking. Forse ci vuole una gita in primavera da queste parti, per ammirare anche la parte “verde”.

    Rispondi
    • 18/11/2020 in 09:51
      Permalink

      Crredo che al Seceda ci si possa salire in funivia anche in inverno, e penso sia ugualmente bello! Sul trekking invernale non sapendo come sono messi i sentieri non ti so consigliare.

      Rispondi
  • 18/11/2020 in 11:19
    Permalink

    Un posto molto fotografato ultimamente. L’ho visto varie volte sui social e mi sono sempre chiesta se il sentiero era fattibile anche per chi come noi non è molto allenato… e mi sembra di sì. Quindi la prossima gita in Val Gardena avrà sicuramente una tappa qui

    Rispondi
    • 18/11/2020 in 11:32
      Permalink

      Sì, puoi scegliere vari gradi di difficoltà come hai visto. Il primo percorso è tosto, ma ci sono gli altri due tra cui scegliere, quindi fattibile.

      Rispondi
  • 18/11/2020 in 16:34
    Permalink

    Non ho ancora avuto il piacere di fare la conoscenza col monte Seceda. Se ci capitassi in una splendida giornata sceglierei sicuramente il percorso più lungo per godermi al massimo la camminata e scattare un sacco di foto. Suggestivo il tratto con le pietre lunari!

    Rispondi
    • 18/11/2020 in 18:48
      Permalink

      é davvero una delle escursion più belle da fare in val gardena. da non perdere se vai!

      Rispondi
  • 18/11/2020 in 18:56
    Permalink

    Come sempre, paesaggi spettacolari. Qualche giorno ti chiederò di invitarmi a casa hahahah. Scherzo! Però davvero a poco a poco mi stai facendo venir voglia di partire e scoprire tutte queste valli!! In un paio di giorni posso farcela?

    Rispondi
  • 19/11/2020 in 00:34
    Permalink

    Una gita che mi segno per quando tornerò in Val Gardena, molto bella così particolare lo si può raggiungere poi in vari modi opterei però per la bella camminata giusto per la soddisfazione di salire in cima

    Rispondi
    • 19/11/2020 in 00:53
      Permalink

      Sono d’accordo, anche io sono salita a piedi, faticoso ma super appagante!

      Rispondi
  • 20/11/2020 in 12:48
    Permalink

    Che meraviglia Bea! Nel tuo blog trovo sempre qualche spunto per sognare un po’ di montagna e non sai in questo momento quanto abbia bisogno di tutto questo! Sono stata a Ortisei d’inverno, con le sculture di ghiaccio a decorare le stradine del centro e abbiamo preso una funivia per una passeggiata in mezzo alla neve che ancora ricordo tra le più belle mai fatte! Spero di riuscire a vedere queste splendide zone anche in estate… Buon weekend bella, ti abbraccio!

    Rispondi
    • 20/11/2020 in 16:07
      Permalink

      Io preferisco sempre la montagna in estate, perchè nonso sciare e in montagna con la neve dopo due giorni non so più che fare. Se ti capita vai che è bellissimo!

      Rispondi
  • 22/11/2020 in 19:55
    Permalink

    Nonostante sia stata in Val Gardena per sciare, non ho mai sentito il Monte Seceda. Me lo segno nel caso dovessi tornare di nuovo da quelle parti, magari in estate per ammirare un paesaggio diverso da quello che ho visto. Sicuramente opterei per il percorso più semplice.

    Rispondi
    • 23/11/2020 in 12:00
      Permalink

      In ogni caso la vista finale è sempre questa per tutti e tre i percorsi 😀

      Rispondi
  • 22/11/2020 in 22:43
    Permalink

    Sai che non avevo mai sentito parlare di questo monte?? Le foto mi hanno conquistato! Lo segno sicuramente fra le escursioni da fare!

    Rispondi
  • 23/11/2020 in 11:18
    Permalink

    Che luogo spettacolare! Amo la Val Gardena… Ricordo che, qualche anno fa, sono salita al Monte Seceda con la cabinovia da Ortisei, e poi ho fatto una splendida escursione arrivando anche al rifugio Firenze… Posti indimenticabili!

    Rispondi
    • 23/11/2020 in 12:02
      Permalink

      sì, tra gli scorci più belli delle Dolomiti, insieme alle Tre Cime e alcuni altri.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content