Attrezzatura da montagna / Montagna

Come preparare un’escursione estiva in montagna

Come preparare un’escursione estiva in montagna

In questo articolo vediamo quali cose vanno tenute in considerazione quando si deve preparare un’escursione estiva in montagna.

Da un’accurata preparazione e da una corretta valutazione dei limiti di ogni partecipante e delle sfide tecniche dell’itinerario dipende la buona riuscita dell’escursione.

Come preparare un’escursione estiva in sicurezza

Le fasi per preparare in sicurezza un’escursione estiva in montagna sono, tendenzialmente, tre:

  • fase uno: pianificazione a casa
  • fase due: valutazione alla partenza
  • fase tre: durante l’escursione

Preparare un’escursione da casa: come fare

Come si sceglie un’escursione? Da casa si sceglie un itinerario, magari perchè lo si è visto su un blog, su una guida o altrove.

Viene però il momento di valutare che quell’itinerario faccia davvero per noi e per tutti gli altri membri del gruppo che uscirà in escursione con noi.

Sì, perchè per preparare un’escursione estiva, anzi, in generale per pianificare un’escursione tutto l’anno, bisogna sempre tenere conto delle necessità di tutti.

Quindi ecco a cosa badare per preparare un’escursione estiva:

  • guardare il meteo, facendo attenzione alla previsione di pioggia e temporali (scopri qui cosa fare se ti trovi in mezzo ad un temporale in montagna)
  • attenzione anche al passaggio di fronti freddi pericolosi per l’abbassamento delle temperature
  • controllare quanto vento ci sarà, considerando anche le condizioni meteo dei giorni precedenti che possono aver modificato lo stato del suolo su cui cammina
  • controllare l’itinerario sulla carta topografica (scopri qui come leggerla) valutando i dislivelli, le difficoltà tecniche, la presenza di tratti più impegnativi o esposti, l’esposizione a sole, freddo e vento.
  • Valutare anche la lunghezza totale dell’escursione

La carta topografica dovrà essere sempre portata nello zaino, per poter gestire ogni situazione di necessità.

Altre cose da considerare per preparare un trekking in estate

In caso di trekking di più giorni è consigliabile prenotare il rifugio. In certe valli non sarà semplice trovare posto senza prenotazione.

Per la preparazione di un’escursione, che sia di uno o più giorni, bisogna poi tenere conto delle esigenze di tutti i compagni di escursione, in particolare considerando:

  • numero delle persone
  • età
  • capacità tecniche
  • equipaggiamento
  • esperienza alpina di ognuno
  • conoscenza reciproca

E’ bene calcolare l’orario di percorrenza e le difficoltà tecniche da affrontare in base all’escursionista più lento presente nel gruppo.

Preparare lo zaino per un’escursione in estate

Prepara lo zaino con cura portando tutto quello che potrebbe servire quel giorno:

  • cibo e acqua a sufficienza, in base anche alle difficoltà dell’escursione
  • abbigliamento adeguato alle condizioni meteo previste, al terreno su cui ci si muoverà e alla quota più alta che si raggiungerà
  • kit di pronto soccorso

E poi aggiungi tutte le cose che ti possono servire quel giorno.

Ho scritto altri articoli che ti possono essere utili a cui puoi risalire dai link che trovi nel box qui sotto.

Qui trovi una guida completa su cosa mettere nello zaino per  un' escursione di un giorno.

Qui, invece, puoi scoprire come scegliere lo zaino più adatto alle tue esigenze

E qui, puoi scoprire come scegliere il guscio tecnico, che è forse il capo tecnico più importante per chi va in escursione in montagna

Valutazione alla partenza dell’escursione

Alla partenza, una volta arrivati sul posto, bisogna chiedersi se le condizioni sono quelle che ci aspettavamo quando abbiamo studiato l’escursione.

Guarda quindi le montagne circostanti, controllando:

  • la quota della neve
  • la presenza di ghiaccio (in quota anche in estate possiamo trovare cumuli di neve o ghiaccio)
  • la visibilità
  • la presenza di vento in quota
  • eventuali segni di peggioramento del tempo

Se qualcosa non torna non aver paura a rinunciare, la sicurezza deve essere la sola cosa che muove il gruppo.

Chiediti poi se:

  • i compagni di escursioni sono quelli previsti? Non si è aggiunto nessuno di nuovo
  • sono tutti informati sull’itinerario?
  • controlla se ci sono persone più fragili per età o condizione psicofisica del momento
  • verifica nuovamente la preparazione, soprattutto se ci sono persone nuove non previste
  • controlla che l’abbigliamento sia adeguato per tutti, e che abbiano nello zaino tutto quello che serve

Solo quando sei soddisfatto della risposta a tutte queste domande potrai cominciare a fare la tua escursione, avviando la tracciatura GPS con l’app di tua scelta.

trekking al monte berlinghera

Durante l’escursione: come pianificare un trekking in montagna

Durante l’escursione devi sempre controllare che le condizioni meteo e la loro variabilità siano quelle che ti aspettavi di trovare durante la pianificazione.

Se dovessi notare segni di peggioramento del tempo dovrai valutare se si tratta di episodi passeggeri o tali da farti tornare indietro.

Controllare anche sempre le condizioni fisiche dei compagni di escursione, facendo attenzione a segni di stanchezza. Se necessario potrete fare soste frequenti per tenere unito il gruppo e riposare.

Non fare deviazioni non previste, soprattutto senza aver consultato la carta topografica per valutare che quella deviazione sia alla portata di tutti e non porti il gruppo su sentieri che non si è in grado di affrontare.

Se si perde la strada, dopo aver consultato la topografica, potrebbe essere necessario ritornare sui nostri passi fino ad un punto noto.

Non esporti mai a potenziali fattori di rischio.

La nostra sicurezza e quella del gruppo devono essere sempre la base con cui si esce a fare trekking e con cui si va a preparare un’escursione in montagna.

Per cui, rinunciare all’escursione la mattina stessa o tornare a casa prima del previsto se le condizioni non sono favorevoli è una decisione di buon senso che può salvare la vita in certe situazioni.

L'autrice

Piacere di conoscerti! Sono Beatrice, istruttrice di trekking, blogger, content creator e autrice di guide escursionistiche. 

Lascia un commento

Skip to content